lunedì 14 settembre 2009

La tartaruga che viveva come voleva

        
                                                                                                        
di Florence Seyvos, Salani Editore, 2009 (p.60, ill. b/n di Claude Ponti)
Pucé è una tartaruga.
Pucé sa già fin da piccola di voler cavarsela da sola, come fanno i grandi.
Prende la sua valigia e va a vivere da sola.
Nel viaggio incontra Pocì, una tartaruga maschio che diventerà il suo più grande compagno.
Ma un giorno, come a volte accade, Pocì muore.
Pucè affronterà a suo modo la perdita dell'amico, confrontandosi con la solitudine, il dolore, l'accettazione...
Un racconto breve e dolcissimo, intriso di significati profondi affrontati con tenerezza di mano e sguardo.
Una piccola ed essenziale parabola, in cui intensità e leggerezza si mescolano come in un soffio.
Per grandi e piccini, un piccolo gioiello da gustare in silenzio.
...

1 commento:

Anonimo ha detto...

".. camminavo.. ti pensavo.. e dalla vetrina quella strana copertina mi chiamò: mi disse portami da Lei che saprà come leggermi. Così feci.."

Bacio Tarta